Una conversazione in inglese per imparare l'espressione Keep in touch (tenersi in contatto)

Il modo di dire inglese Keep in touch, che si potrebbe tradurre letteralmente con ‘tenersi in tocco’, vuole dire ‘tenersi in contatto’. Vediamo una conversazione di esempio che lo contiene.

John: thank you for giving me the opportunity to work here
Paul: you are welcome, we always need people like you
John: maybe in 6 months I’ll be back from France and looking for a job again..
Paul: let’s keep in touch, then
John: yes, I’ll write to you in any case
Paul: ok
John: grazie per avermi dato l’opportunità di lavorare qui
Paul: di nulla, abbiamo sempre bisogno di persone come te
John: forse tra 6 mesi tonerò dalla Francia e cercherò ancora lavoro..
Paul: teniamoci in contatto, allora
John: si, ti scriverò in qualsiasi caso
Paul: ok

La traduzione di un articolo dall'inglese sui difficili rapporti di vicinato a causa di un albero

Ecco la traduzione dall’inglese di un articolo del Telegraph che parla di come un enorme albero cresciuto all’interno di un giardino stia creando difficili rapporti di vicinato nella regione del Devon.

Residents complain of ‘Berlin Wall’ neighbour’s 35ft cypress trees

.
When David Alvand was forced to rip down a 12ft high barrier dubbed ‘The Berlin Wall’ from around his garden, neighbours prayed he did not have a plan B up his sleeve.

But now they have found their homes overshadowed by a line of 35ft cypress trees.

Neighbours of Mr Alvand say the 16 trees, planted almost 20 years ago, are now so tall that they tower above their properties and block out the sunlight.

The group of residents in Plymouth, Devon, has complained to the council to try to force Mr Alvand to chop down the trees.

It follows a 12-year legal battle to make Mr Alvand remove a huge concrete wall he had erected without planning permission around his semi-detached home.

.
At the time, his next door neighbour Roger Coath, 49, said he faced “Stalag-like conditions”, complaining: “It’s so bad, it’s worse than the Berlin Wall.”

But Mr Alvand, who faced the possibility of jail over that dispute, is allegedly refusing to prune the greenery surrounding his three-bedroom house. He dismissed the latest complaint as part of a “personal vendetta” pursued by his neighbours.

He said yesterday: “I have been chased for two decades over the state of my gardens. I feel victimised. The neighbours are complaining because they have a vendetta against me.

“I am a law-abiding citizen and I have suffered for 20 years being chased over my wall and trees. It’s my land.”

.
The wall case cost the local council more than £20,000, and was on the brink of being taken to the European Court of Human Rights when it was finally resolved.

.
This time neighbours have joined forces to register a formal complaint under the Anti-Social Behaviour Act.
.

One resident, who asked not to be named, said: “That wall took years to sort out. It’s been a nightmare. Now the trees are an eyesore – they block out sunlight and make the street look bad.”

Another neighbour said: “I think the trees are monstrous. They have gone higher than the roof of our houses now. They look horrendous.”

Mr Coath, 49, added: “I don’t mind the trees themselves but he could at least cut them down to a level below the top windows.”

The wall case went through three appeals, a government inspector, a public meeting, two High Court sessions, magistrates court and the Court of Appeal in London.

Mr Alvand was eventually found guilty of breaking planning laws at Plymouth Crown Court in 2004 and ordered to pay a £700 fine and £2,500 costs.

.
.
When he still refused to remove the wall, the council was granted the right to go to court to ask for him to be jailed and to carry out the work itself and send him the bill.

.
.
But before the court appearance he agreed to take down the breeze block and corrugated iron wall to the agreed height of 6ft.

He had claimed the wall was a greenhouse, which under planning laws do not require council permission.

I residenti si lamentano per gli alberi di cipresso del vicino ‘Muro di Berlino’ alti più di 11 metri

Quando David Alvand è stato costretto ad abbattere una barriera alta 4 metri chiamata ‘Il muro di Berlino’ dal suo giardino, i vicini hanno pregato che non avesse un asso nella manica.

Ma ora si ritrovano le loro case all’ombra di una fila di alberi di cipresso alti oltre 11 metri.

I vicini del signor Alvand dicono che i 16 alberi, piantati oltre 20 anni fa, sono adesso così alti che torreggiano sulle loro proprietà e bloccano la luce del sole.

Il gruppo di residenti a Plymouth, nel Devon, si è lamentato presso il consiglio locale per fare in modo che il signor Alvand abbatta gli alberi.

Ciò viene a seguito di una battaglia legale di 12 anni per fare rimuovere al signor Alvand un enorme muro di cemento che aveva eretto senza autorizzazioni attorno alla sua casa affiancata.

All’epoca, il suo vicino di casa Roger Coath, 49 ani, ha detto di avere affrontato condizioni da “campo di concentramento”, lamentandosi che “è peggio del muro di Berlino”.

Ma il signor Alvand, che all’epoca aveva anche rischiato la galera, a quanto si dice sta rifiutandosi di potare gli alberi attorno alla sua casa di tre camere. Ha scartato l’ultima lamentela come una “vendetta personale” da parte dei suoi vicini.

Ieri ha detto: “Sono stato perseguitato per oltre 20 anni riguardo alla situazione del mio giardino. Mi sento una vittima. I vicini si lamentano perchè vogliono vendicarsi con me.

“Io sono un cittadino rispettoso della legge ed ho sofferto 20 anni di persecuzioni per il mio muro e per gli alberi. La terra è mia.

“Il caso del muro è costato al consiglio locale più di 20.000 sterline, ed è stato risolto quando ormai era sulla soglia di essere portato di fronte alla Corte Europea per i Diritti Umani.

Questa volta i vicini si sono uniti per fare denuncia formale di comportamento anti sociale.

Un vicino, che ha chiesto di rimanere anonimo, ha detto: “Ci sono voluti anni per risolvere il discorso del muro. E stato un incubo. Adesso gli alberi sono un pugno in un occhio – bloccano la luce del sole e danno una pessima impressioni della strada.

Un’altro vicino ha detto “Penso che gli alberi siano mostruosi. Sono più lati dei tetti delle nostre case ora. Sono orribili”

Il signor Coath, 49 anni, ha aggiunto “Non ho problemi con gli alberi, ma almeno potrebbe tagliarli ad una altezza inferiore alle finestre dell’ultimo piano”

Il caso del muro passò attraverso tre gradi di giudizio, una ispezione governativa, un incontro pubblico, due sessioni dell’Alta Corte, la corte dei Magistrati e la corte d’Appello di Londra.

Il signor Alvand alla fine è stato condannato dalla Corte della Corona di Plymouth nel 2004 per avere infranto le leggi sul piano edilizio, e gli è stato ordinato di pagare 700 sterline di multa e 2500 di costi.

Quando si è rifiutato di rimuovere il muro, allora al consiglio è stata data autorizzazione di andare dal giudice per richiedere il suo arresto e di procedere con i lavori di demolizione, inviandogli le spese da pagare.

Ma prima di apparire in corte egli ha accettato di abbassare il muro di metallo all’altezza di 2 metri.

Egli aveva dichiarato che il muro era una serra, che per le leggi edilizie non necessitano di alcun permesso per essere costruite.

La traduzione di un articolo che parla dei babbuini ubriachi del Sudafrica

Ecco la traduzione di un articolo del Telegraph che parla del’invasione dei babbuini ubriachi in alcuni pregiati vitigni sudafricani.

Drunk baboons plague Cape Town’s exclusive suburbs
The sun is setting over South Africa’s oldest vineyard and the last of the wine-tasting tourists are climbing onto their buses. But one large family group has no intention of leaving – and there is little the management can do about it.

.
Groot Constantia, in the heart of Cape Town’s wine country, can deal with inebriated holidaymakers – but it is invading baboons which have developed a taste for its grapes that the wine makers are struggling with.

Each day, dozens of Cape Baboons gather to strip the ancient vines – the sauvignon blanc grapes are a particular favourite – before heading into the mountains to sleep. A few, who sample fallen fruit that has fermented in the sun, pass out and don’t make it home.

.
.
.
“They are not just eating our grapes, they are raiding our kitchens and ripping the thatch off the roofs. They are becoming increasingly bold and destructive,” said Jean Naude, general manager at the vineyard, which is celebrating its 325th birthday this year. Guards banging sticks and waving plastic snakes have been deployed with only limited success, and not even a blast of a vuvuzela, the plastic horn made famous at the World Cup, seems to frighten them.

It is not just the vineyards in South Africa which are under siege, however, but also the exclusive neighbouring suburb of Constantia, home to famous residents including Earl Spencer, Wilbur Smith and Nelson Mandela.

Crisis meetings between animal welfare groups and traumatised locals are struggling to find a workable solution.

“Where there’s a mountain, there’s a baboon,” said Justin O’Riain of the Baboon Research Unit at the University of Cape Town. “As we take up more and more of their land, the conflict increases.”

The baboons lived in the mountains of Cape Town long before humans took up residence, but development has forced the unlikely neighbours into increasingly closer contact.

Before laws afforded baboons a protected status a decade ago, troublesome animals were regularly killed or maimed by home owners and farmers. Now around 20 full-time “baboon monitors” are employed to protect them and guide them away from residential areas. It has proved mission impossible. Last week, a 12 year old boy was left traumatised after confronting a troop who had broken into his family home.

.
.
Hearing noises from the kitchen, he went to investigate and found the beasts ransacking cupboards. When the child fled upstairs to find his babysitter, three males gave chase and surrounded him as he made a tearful phone call to his mother, while the animals pelted him with fruit.

.
“When he called me he was terrified. They had him surrounded,” said the Constantia housewife, who did not wish to be identified.

Chickens, geese, peacocks and even a Great Dane dog have been killed in recent weeks by the marauding baboons – the males have huge and terrifying canine teeth. Roof tiles, electric fences, orchards and vegetables gardens have been trashed.

I babbuini ubriachi infestano le periferie esclusive di Città del Capo
Il sole sta tramondando sul più antico vigneto del Sudafrica e gli ultimi turisti assaggiatori di vino stanno salendo sui loro autobus. Ma un grande gruppo famigliare non ha intenzione di andarsene, e c’è ben poco che la direzione possa fare al riguardo.

Groot Constantia, nel cuore dell’area vinicola di Città del Capo, riesce a tenere a bada i vacanzieri ubriachi – ma i produttori di vino fanno fatica ad opporsi ai babbuini invasori che hanno cominciato ad apprezzare la loro uva.

Ogni giorno, dozzine di Babbuini del Capo si riuniscono per raccogliere i grappoli delle antiche vigne – favorendo particolarmente i grappoli bianchi sauvignon – prima di andare a dormire nelle montagne. Un pochi, che hanno provato a mangiare frutta caduta che è fermentata al sole, svengono e non riescono a tornare a casa.

“Non solo mangiano i nostri grappoli, ma razziano le cucine e strappano la paglia dai tetti. Diventano sempre più coraggiosi e distruttivi” dice Jean Naude, amministratore del vigneto che celebra il 325 anniversario quest’anno. Guardiani che battono bastoni ed agitano serpenti di plastica sono stati utilizzati con limitato successo, e neppure il fragore della vuvuzela, la tromba di plastica resa famosa ai mondiali, sembra spaventarli.

Non sono solo dei vigneti in Sudafrica ad essere sotto assedio, ma anche l’esclusivo quartiere periferico di Constantia, che ospita famosi residenti come Earl Spencer, Wilbur Smith e Nelson Mandela.

Riunioni d’emergenza tra animalisti ed abitanti traumatizzati fanno fatica a trovare una soluzione accettabile.

“Dove c’è una montagna c’è un babbuino” ha detto Justin O’Riain della unità di ricerca per i babbuini dell’Università di Cottà del Capo. “Mentre noi ci prendiamo sempre più la loro terra, il conflitto aumenta”

I babbuini hanno vissuto nelle montagne di Città del Capo molto prima degli umani, ma lo sviluppo ha imposto sempre più contatti tra gli improbabili vicini di casa.

Fino ad una decina di anni fa, prima che la legge proteggesse i babbuini, gli animali che creavano problemi venivano uccisi dai contadini o dai padroni di casa. Adesso circa 20 “osservatori di babbuini” a tempo pieno sono impiegati per proteggerli e guidarli fuori dalle aree residenziali. Si è dimostrata una missione impossibile. La settimana scorsa un dodicenne è rimasto traumatizzato dopo essere stato assaltato da un gruppo di babbuini che era entrato in casa della sua famiglia.

Avendo sentito dei rumori in cucina, è andato ad investigare ed ha trovato le bestie che saccheggiavano le vettovaglie. Quando il bambino è scappato di sopra in cerca della babysitter, tre babbuini maschi lo hanno circondato e bersagliato con frutta, mentre egli telefonava piangendo a sua madre.

“Quando mi ha chiamato era terrorizzato. Lo avevano circondato” ha detto la casalinga di Constantia, che vuole restare anonima.

Galline, oche, pavoni ed anche un cane sono stati uccisi nelle settimane recenti dai babbuini – i maschi hanno enormi e terrificanti denti canini. Tegole, recinzioni elettriche, orti, giardini e frutteti sono stati distrutti.

La traduzione di un articolo dall'inglese: gli astronomi scoprono un pianeta molto simile alla terra

Ecco la traduzione di un artioclo del Mirror che parla di una importante scoperta scientifica fatta da un gruppo di astronomi che hanno trovato un pianeta molto simile alla terra a soli 20 anni luce di distanza.

Astronomers find another Earth .. just 20 light years away

.
Astronomers claim to have found the most Earth-like planet yet – and they believe it could support life.

.
The planet – named Gliese 581g – is three times the mass of Earth and is only 20 light years away. It takes 37 days for it to orbit its parent star Gliese581, which it always faces so one side is permanently dark and the other light.

.
.
With favourable temperatures and a similar gravity to our own planet, Gliese 581g is thought to be potentially habitable, unlike its neighbours. Steven Vogt, professor of astronomy at the University of California, said: “We had planets on both sides – one too hot and one too cold – and now we have one in the middle that’s just right.

.
“Our findings offer a compelling case for a potentially habitable planet. Any emerging lifeforms would have a wide range of stable climates to choose from.”

He claimed their findings, published in Astrophysical Journal, suggested the planet was far from unusual. “The fact we were able to detect this one so quickly and so nearby tells us planets like this must be really common,” he said.

.
.
Up to 20% of star systems are thought to have habitable planets – and there are tens of billions of stars in the Milky Way.

Paul Butler of the Carnegie Institution, which helped with the research, added: “Our ability to find potentially habitable worlds is now limited only by our telescope time.”

Gli astronomi trovano un altra Terra .. a soli 20 anni luce di distanza

Alcuni astronomi sostengono di avere trovato il pianeta più simile alla terra fino a questo momento – e pensano che potrebbe ospitare la vita.

Il pianeta – chiamato Gliese 581g – ha tre volte la massa della terra e si trova a soli 20 anni luce di distanza. Necessita di 37 giorni per completare la sua orbita attorno alla stella Gliese581, che guarda sempre dallo stesso lato, così un lato è permanentemente al buio e l’altro alla luce.

Con temperature favorevoli ed una gravità simile al nostro pianeta, Gliese 581g è ritenuto potenzialmente abitabile, a differenza dei suoi vicini. Steven Vogt, professore di astronomia alla Università della California, ha detto: “Avevamo pianeti da tutti e due i lati – uno troppo caldo ed uno troppo freddo – ed ora ne abbiamo uno nel mezzo che va proprio bene.

“Le nostre scoperte offrono un convincente caso di un pianeta abitabile. Qualsiasi forma di vita emergente avrebbe avrebbe un ampia gamma di climi stabili tra i quali scegliere.”

Ha dichiarato che le sue scoperte, pubblicate nel Giornale di AStrofisica, suggerriscono come il pianeta sia tutt’altro che inusuale. “Il fatto che siamo stati capaci di trovarlo così velocemente e così vicino ci dice che pianeti simili devono essere molto comuni”, ha detto.

Si ritiene che fino al 20% dei sistemi stellari possa avere pianeti abitabili – e ci sono decine di miliardi di stelle nella Via Lattea.

Pau Butler della Carnegie Institution, cje ha aiutato nella ricerca, ha aggiunto: “La nostra capacità di trovare mondi potenzialmente abitabili è ora limitata solo dal tempo in cui possiamo usare i telescopi”

Una conversazione in inglese per imparare l'espressione have a long face (essere tristi)

 

Il modo di dire have a long face, che alla lettera si traduce con “avere una faccia lunga” significa in realtà essere tristi. Ecco un esempio di dialogo in cui questa espressione è utilizzata.

Susan: Have you seen Robert recently?
Samantha: No. Last time I saw him it was at Christmas
Susan: I saw him last week and he had such a long face
Samantha: how come?
Susan: he said he was on a diet and couldn’t eat any chocolate!
Susan: hai visto Robert recentemente?
Samantha: No. L’ultima volta l’ho visto a Natale
Susan: L’ho visto la settimana scorsa ed aveva una espressione proprio triste
Samantha: Come mai?
Susan: Ha detto di essere a dieta e di non poter mangiare neanche un pò di cioccolato!

Un dialogo per imparare l'espressione Keep an eye on something (tenere d'occhio qualcosa)

L’espressione keep an eye on something or someone, che letteralmente può essere tradotta con “tenere un occhio su qualcosa o qualcuno”, significa “tenere d’occhio qualcosa o qualcuno”. Ecco un dialogo di esempio in cui l’espressione viene usata.

Robert: they hired a new programmer in the office
Paul: I know, he’s just out of school
Robert: I wonder if you can keep an eye on him..
Paul: of course
Robert: he’s just too inexperienced
Robert: hanno assunto un nuovo programmatore in ufficio
Paul: lo so, è appena uscito da scuola
Robert: mi chiedo se puoi tenerlo d’occhio..
Paul: sicuro
Robert: è ancora troppo inesperto

La traduzione di un articolo dall'inglese sulla visita di Gheddafi in Italia

Ecco la traduzione di un articolo del Telegraph che parla delle reazioni in Italia alla visita ed alle affermazioni del leader libico.

Italians attack Muammar Gaddafi over Islam comments
Italians have reacted with indignation after Muammar Gaddafi lectured 200 young actresses and models on the superiority of Islam, a day after saying that Europeans should all become Muslim.

.
.
.
Silvio Berlusconi’s increasingly close relationship with Col Gaddafi is becoming a source of embarrassment for the Italian prime minister, according to opposition MPs and even members of the government.

.
On Monday, the Libyan leader recruited the women through a modelling agency to join him and Mr Berlusconi, in viewing a photography exhibition at a Rome cultural institute which traced historical links between the two countries.

.
Telling them that Islam was the “ultimate religion”, Gaddafi insisted that “if you want to believe in a single faith then it must be that of Mohammed,” according to one of the women who sat through the lecture.

.
Afterwards the two leaders were due to attend a cavalry school to watch a display of riding involving 30 thoroughbred Berber horses imported specially from Libya, followed by a state dinner.

.
On Sunday night, during an encounter with 500 young women hired by the same agency, Col Gaddafi handed out copies of the Koran and told them that Europe should convert to Islam.

“If I went to Tripoli to demand that Libyans convert to Christianity, what are the odds that I would return in one piece?” said Rocco Buttiglione, the president of a centre-Right Catholic party, the UDC.

.
Italy was becoming a “Disneyland”-style theme park for Gaddafi’s “senile vanities”, said Fare Futuro, a political foundation linked to Gianfranco Fini, a senior government power broker with whom Mr Berlusconi recently had a dramatic falling out.

Rosy Bindi, an MP from the main opposition party, said that the spectacle of hundreds of Italian women being bussed in at Col Gaddafi’s whim was a “humiliating violation” of their dignity.

Gli italiani attaccano Muammar Gheddafi riguardo ai commenti sull’Islam
Gli italiani hanno reagito con indignazione dopo che Muammar Gheddafi ha tenuto una conferenza alla presenza di 200 giovani attrici e modelle riguardo alla superiorità dell’Islam, il giorno dopo avere detto che tutti gli europei dovrebbero diventare musulmani.

Secondo membri dell’opposizione ed anche membri del governo, la sempre più stretta amicizia tra Sivio Berlusconi ed il colonnello Gheddafi sta diventando una fonte id imbarazzo per il primo ministro italiano.

Lunedì, il leader libico ha selezionato le donne che avrebbero dovuto incontrarsi con lui e con Berlusconi tramite una agenzia di modelle, durante la visione di una mostra fotografica in un istituto culturale di Roma che tracciava i legami storici tra i due paesi.

Dicendo loro che l’Islam è la “religione definitiva”, Gheddafi ha insistito che “se volete credere in una unica fede allora deve essere la fede di Maometto”, secondo una delle donne che ha assistito alla conferenza.

Di seguito i due leaders hanno presenziato assieme ad una scuola di equitazione per assistere ad una dimostrazione con 30 cavalli berberi purosangue importati specialmente dalla Libia, seguita da una cena di stato.

Domenica sera, durante un incontro con 500 giovani donne pagate dalla stessa agenzia, il colonnello Gheddafi ha distribuito copie del Corano ed ha detto loro che l’Europa dovrebbe convertirsi all’Islam.

“Se io andassi a Tripoli a domandare che i Libici si convertano al Cristianesimo, quante possibilità avrei di ritornare intero?’ ha detto Rocco Buttiglione,il presidente dell’UDC, partito di centor destra cattolico.

L’Italis sta diventando un parco divertimenti tipo Disneyland per le senili vanità di Gheddafi, ha detto Fare Futuro, una fondazione politica collegata a Gianfranco Fin, un esperto e potente espontente del governo con cui Berluscono ha litigato drammaticamente di recente.

Rosy Bindi, membro del parlamento del principale partito di opposizione, ha detto che lo spettacolo di centinaia di donne italiane trasportate in autobus per un capriccio di Gheddafi è una “umiliante violazione” della loro dignità.

La traduzione dall'inglese di un articolo su Mary Shelley e le celebrazioni di Google

Ecco la traduzione di un articolo dell’ IT Portal che parla di come Google abbia celebrato il compleanno della scrittrice di Frankenstein, Mary shelley, con un logo molto particolare.

Google Pays Homage To Mary Shelley With Spooky Doodle

Search engine
giant Google has celebrated the birthday of popular British author Mary Shelley in its own special way, by dedicating a Doodle to Frankenstein’s creator.

Google Doodle has creatively designed Google logos which are displayed to represent notable occasions from time to time, including quite a few for Sci-Fi authors like HG Wells.

However, Mary Shelley’s doodle has been dubbed as the creepiest Google Doodle ever, with the traditional multicoloured Google
logo replaced by an image of a worn-down room containing a series of scary looking paintings and a shadow of a ghostly figure.

Once the users placed their cursors on the image, a banner announcing Mary Shelley’s 213th birthday appears.

Shelley – who died at the age of 53 after long suffering from a brain tumour – is considered to be one of the earliest pioneers of Gothic, Romantic and Sci-Fi fiction style of writing.

Born in 1797, she is the author of the 1818 novel “Frankenstein”, which depicts the story of a scientist who creates a mechanical monster in the image of man.

Google fa un omaggio a Mary Shelley con un inquietante logo

Il motore di ricerca gigante Google ha celebrato il compleanno della celebre autrice britannica Mary Shelley a suo modo, dedicando un logo, alla creatrice di Frankenstein.

I loghi di Google sono disegnati creativamente ed esposti in importanti occasioni di volta in volta, includendo in parecchi casi autori di fantascienza come HG Wells.

Comunque, il logo di Mary Shelley è stato nominato come il più inquietante di sempre, con il tradizionale logo multicolore di Google rimpiazzato da una imamgine di una stanza decadente che contiene una serie di quadri spaventosi e l’ombra della figura di un fantasma.

Quando gli utenti passano il cursore sulla immagine appare una scritta che annuncia il 213imo compleanno di Mary Shelley.

Shelley – che morì a 53 anni dopo avere sofferto a lungo per un tumore al cervello – è considerata una delle prime pioniere dello stile di scrittura fantascientifico, romantico e gotico.

Nata nel 1797, è l’autore della novella del 1818 Frankenstein, che narra la storia di uno scienziato che crea un mostro meccanico ad immagine dell’uomo.

La traduzione dall'inglese di un articolo sul nuovo servizio di telefonia offerto da Google

Ecco la traduzione dall’inglese di un articolo di Electric Pig che parla del nuovo servizio di telefonia via internet gratuito offerto da Google e di come per errore il servizio sia stato messo a disposizione anche di utenti al di fuori degli Stati Uniti.

Gmail Chat phone calls: accidentally rolled out to non-US users

Yesterday we reported on the incoming Gmail Chat feature being rolled out to Gmail customers in the US, that allowed them to call any phone, domestic for free, and internationally at cheap rates. This morning, I woke up to find the feature enabled on my non-US Gmail account. Since I don’t have anyone in the US to call at 8am, I didn’t try it out straight away. By the time I returned to it at lunchtime, it had disappeared. I was disappointed, so contacted Google for more info…

.
What happened? Google got over excited, and leaked the phone calling from Gmail Chat feature to non-US users, and unfortunately, rolled the Gmail Chat feature back within a couple of hours.

A spokesperson for Google said: “In our excitement to share voice calling, we got a little ahead of ourselves and, unintentionally, made it available for a brief time in some languages we don’t support yet. We’ve rolled back the feature, and apologize for any inconvenience. We launched it yesterday to US users and look forward to bringing localised versions to more people in the future.”

.
.
So disappointingly, the Google Gmail Chat phone call feature hasn’t been made available outside the US, as it appeared today, and as we said in our earlier update, although it did get shunted out to some of us temporarily by accident.

Il servizio telefonico di Gmail fornito ad utenti non americani per errore

Ieri abbiamo scritto riguardo all’imminente lancio del servizio telefonico di Gmail per gli utenti americani, che permette a loro di chiamare qualsiasi telefono locale gratuitamente, e internazionalmente a prezzi molto contenuti.
Stamattina mi sono svegliato con il servizio attivo sul mio profilo Gmail non americano. Dato che non ho nessuno da chiamare in america alle 8 del mattino, non l’ho provato subito. Al momento in cui ci sono tornato, a ora di pranzo, era scomparso, così ho contattato Google per avere più informazioni….

Cosa è successo? Google si è sovraeccitato ed il servizio è stato fornito anche agli utenti non americano, e sfortunatamente ritirato in un paio d’ore.

Un portavoce per Google ha detto: “Nella nostra eccitazzione per condividere la chiamata vocale, siamo andati un pò troppo veloci e senza l’intenzione di farlo, l’abbiamo resa disponibile per un breve periodo in alcuni linguaggi che ancora non supportiamo. Abbiamo ritirato il servizio, e ci scusiamo per qualsiasi inconveniente. Lo abbiamo lanciato ieri per gli utenti americani e no vediamo l’ora di proporre versioni localilizzate per più gente nel futuro”

Così, con nostra delusione, il servizio di telefonia di Gmail non è stato reso disponibile fuori dagli Stati Uniti, come sembrava oggi, e come abbiamo scritto in precedenza, ma è stato distribuito ad alcuni di noi temporaneamente per errore.

La traduzione di un articolo dall'inglese: l'autolavaggio più costoso al mondo

Traduciamo dall’inglese un articolo del Telegraph che parla di un autolavaggio incredibilmente caro.

World’s most expensive car wash: £7,200

A car enthusiast is offering the world’s most expensive car wash service – charging up to £7,200 per vehicle.

Gurcharn Sahota, 30, takes up to 250 hours to clean each vehicle with an array of 100 cleaning fluids and wax that costs £8,200 per tub.

.
His premier wash includes polishing and buffing every inch of the car inside and out five times.

.
He even uses a computerised microscope – normally used by forensic scientists – to examine the bodywork for the minutest scratch not even visible to the naked eye.

.
Mr Sahota, who drives a clapped-out VW Golf himself, started the business five years ago by washing his neighbour’s cars with a bucket and sponge.

.
But he has since cleaned hundreds of supercars and now boasts a string of celebrity clients.

He said: ”When I was younger I washed neighbours’ cars and my dad’s car whenever I could.

”They never paid me, I loved it so much I did it for free.

”Things have built up from there and now I’m cleaning some of the fastest, most powerful sports cars in the world.

”People come to me and they want the best treatment going for their car.

”If you’ve got a £500,000 car then a few grand for cleaning is worth it.

”Sometimes I’ll work through the night to get a car looking absolutely pristine.

”They’re world class motors that deserve a world class wash.”

Mr Sahota, who lives with his parents in Derbyshire, has converted their double garage into a hi-tech workshop.

.
He built a Formula 1-style pit for scrubbing the underneath of cars and layered the entire workshop floor and walls with specialist tiles imported from Italy which help reflect flecks of dirt on the cars.

.
He begins every clean in the same way – washing it with a lambwool mitten and soapy water.

He said: ”I treat every car like an individual project, I want them to leave my workshop looking better than they have ever done.

”I have my processes which I go through and I am meticulous about each one.

”If you’re paying £150,000 for a car then you’re going to want it to be perfect.

”The first time I cleaned a Ferrari Enzo it took a week and when I tried to sleep all I could see was Ferrari red.

”The car has to be free from all contaminants like dust and dirt before you start otherwise it’s going to get scratched.

”I just want perfection. Finishing is the best part because you know what it was like when you started. That gives me great satisfaction.”

.
After spending hundreds of hours cleaning by hand he uses a £5,000 computerised microscope which examines the car for blotches and scratches.

L’autolavaggio più costoso al mondo: 7200 sterline

Un amante delle automobili offre il servizio di autolavaggio più caro al mondo – costa fino a 7200 sterline a macchina

A Gurcharn Sahota, 30 anni, servono fino a 250 ore per pulire ogni veicolo con un assortimento di 100 liquidi per pulire ed una cera che costa fino a 8200 sterline a confezione.

Il suo lavaggio principale include la pulizia e lucidatura di ogni centimetro della macchina sia all’interno che all’esterno per 5 volte.

Utilizza anche un microscopio computerizzato usato dagli scienziati investigatori – per esaminare la carrozzeria e trovare i più piccoli graffi non visibili a occhio nudo.

Il signor Sahota, che possiede una vecchia Golf, ha cominciato il servizio 5 anni fa lavando le auto dei suoi vicini con un secchio ed una spugna.

Ma da allora ha pulito centinaia di macchine di lusso ed ora può vantarsi di avere molti clienti celebri.

Ha detto: ‘Quando ero più giovane lavavo le macchine dei vicini e la macchina di mio papà in ogni occasione.

‘Non mi pagavano mai, mi piaceva così tanto che lo facevo gratis.’

‘E tutto cominciato così, ed ora lavo le macchine più veloci e potenti del mondo.

‘La gente viene da me e vuole il miglior servizio per la macchina’.

‘Se hai una macchina da 500.000 sterline allora vale la pena di spenderne poche migliaia per pulirla.

‘A volte lavoro tutta la notte per ottenere una macchina completamente pulita.

‘Sono i migliori motori del mondo che meritano la pulizia migliore del mondo’

Il signor Sahota, che vive coi suoi genitori nel Derbyshire, ha trasformato il loro garage doppio in un officina supertecnologica.

Ha costruito un box stile formula 1 per poter strofinare la parte inferiore delle macchine, e nel suo pavimento ha messo speciali piastrelle importate dall’Italia, che sono in grado di riflettere le macchioline di sporco delle macchine.

Egli comincia ogni pulizia nello stesso modo – lavando l’auto con una spugna di di lana di agnello e acqua saponata.

Ha detto: ‘Tratto ogni macchina come un progetto unico, voglio che lascino la mia officina con il loro aspetto migliore di sempre’

‘Io ho i vari processi da eseguire e in ognuno di essi sono meticoloso.

‘Se paghi 150.000 sterline per una macchina allora vuoi che sia perfetta.

‘La prima volta che ho pulito una Enzo Ferrari mi ci è voluta una settimana e quando provavo a dormire me la vedevo sempre davanti.

‘La macchina deve essere libera da qualsiasi tipo di sporcizia prima di cominciare senò si può graffiare’

‘Io voglio solo la perfezione. Quando hai finito è il momento migliore perchè sai come era la macchina quando hai cominciato e questo mi da grande soddisfazione.

Dopo avere speso centinaia di ore pulendo a mano ha cominciato ad usare un microscopio computerizzato da 5000 sterline che esamina la macchina cercando graffi.