La traduzione di un articolo che parla dei babbuini ubriachi del Sudafrica

Ecco la traduzione di un articolo del Telegraph che parla del’invasione dei babbuini ubriachi in alcuni pregiati vitigni sudafricani.

Drunk baboons plague Cape Town’s exclusive suburbs
The sun is setting over South Africa’s oldest vineyard and the last of the wine-tasting tourists are climbing onto their buses. But one large family group has no intention of leaving – and there is little the management can do about it.

.
Groot Constantia, in the heart of Cape Town’s wine country, can deal with inebriated holidaymakers – but it is invading baboons which have developed a taste for its grapes that the wine makers are struggling with.

Each day, dozens of Cape Baboons gather to strip the ancient vines – the sauvignon blanc grapes are a particular favourite – before heading into the mountains to sleep. A few, who sample fallen fruit that has fermented in the sun, pass out and don’t make it home.

.
.
.
“They are not just eating our grapes, they are raiding our kitchens and ripping the thatch off the roofs. They are becoming increasingly bold and destructive,” said Jean Naude, general manager at the vineyard, which is celebrating its 325th birthday this year. Guards banging sticks and waving plastic snakes have been deployed with only limited success, and not even a blast of a vuvuzela, the plastic horn made famous at the World Cup, seems to frighten them.

It is not just the vineyards in South Africa which are under siege, however, but also the exclusive neighbouring suburb of Constantia, home to famous residents including Earl Spencer, Wilbur Smith and Nelson Mandela.

Crisis meetings between animal welfare groups and traumatised locals are struggling to find a workable solution.

“Where there’s a mountain, there’s a baboon,” said Justin O’Riain of the Baboon Research Unit at the University of Cape Town. “As we take up more and more of their land, the conflict increases.”

The baboons lived in the mountains of Cape Town long before humans took up residence, but development has forced the unlikely neighbours into increasingly closer contact.

Before laws afforded baboons a protected status a decade ago, troublesome animals were regularly killed or maimed by home owners and farmers. Now around 20 full-time “baboon monitors” are employed to protect them and guide them away from residential areas. It has proved mission impossible. Last week, a 12 year old boy was left traumatised after confronting a troop who had broken into his family home.

.
.
Hearing noises from the kitchen, he went to investigate and found the beasts ransacking cupboards. When the child fled upstairs to find his babysitter, three males gave chase and surrounded him as he made a tearful phone call to his mother, while the animals pelted him with fruit.

.
“When he called me he was terrified. They had him surrounded,” said the Constantia housewife, who did not wish to be identified.

Chickens, geese, peacocks and even a Great Dane dog have been killed in recent weeks by the marauding baboons – the males have huge and terrifying canine teeth. Roof tiles, electric fences, orchards and vegetables gardens have been trashed.

I babbuini ubriachi infestano le periferie esclusive di Città del Capo
Il sole sta tramondando sul più antico vigneto del Sudafrica e gli ultimi turisti assaggiatori di vino stanno salendo sui loro autobus. Ma un grande gruppo famigliare non ha intenzione di andarsene, e c’è ben poco che la direzione possa fare al riguardo.

Groot Constantia, nel cuore dell’area vinicola di Città del Capo, riesce a tenere a bada i vacanzieri ubriachi – ma i produttori di vino fanno fatica ad opporsi ai babbuini invasori che hanno cominciato ad apprezzare la loro uva.

Ogni giorno, dozzine di Babbuini del Capo si riuniscono per raccogliere i grappoli delle antiche vigne – favorendo particolarmente i grappoli bianchi sauvignon – prima di andare a dormire nelle montagne. Un pochi, che hanno provato a mangiare frutta caduta che è fermentata al sole, svengono e non riescono a tornare a casa.

“Non solo mangiano i nostri grappoli, ma razziano le cucine e strappano la paglia dai tetti. Diventano sempre più coraggiosi e distruttivi” dice Jean Naude, amministratore del vigneto che celebra il 325 anniversario quest’anno. Guardiani che battono bastoni ed agitano serpenti di plastica sono stati utilizzati con limitato successo, e neppure il fragore della vuvuzela, la tromba di plastica resa famosa ai mondiali, sembra spaventarli.

Non sono solo dei vigneti in Sudafrica ad essere sotto assedio, ma anche l’esclusivo quartiere periferico di Constantia, che ospita famosi residenti come Earl Spencer, Wilbur Smith e Nelson Mandela.

Riunioni d’emergenza tra animalisti ed abitanti traumatizzati fanno fatica a trovare una soluzione accettabile.

“Dove c’è una montagna c’è un babbuino” ha detto Justin O’Riain della unità di ricerca per i babbuini dell’Università di Cottà del Capo. “Mentre noi ci prendiamo sempre più la loro terra, il conflitto aumenta”

I babbuini hanno vissuto nelle montagne di Città del Capo molto prima degli umani, ma lo sviluppo ha imposto sempre più contatti tra gli improbabili vicini di casa.

Fino ad una decina di anni fa, prima che la legge proteggesse i babbuini, gli animali che creavano problemi venivano uccisi dai contadini o dai padroni di casa. Adesso circa 20 “osservatori di babbuini” a tempo pieno sono impiegati per proteggerli e guidarli fuori dalle aree residenziali. Si è dimostrata una missione impossibile. La settimana scorsa un dodicenne è rimasto traumatizzato dopo essere stato assaltato da un gruppo di babbuini che era entrato in casa della sua famiglia.

Avendo sentito dei rumori in cucina, è andato ad investigare ed ha trovato le bestie che saccheggiavano le vettovaglie. Quando il bambino è scappato di sopra in cerca della babysitter, tre babbuini maschi lo hanno circondato e bersagliato con frutta, mentre egli telefonava piangendo a sua madre.

“Quando mi ha chiamato era terrorizzato. Lo avevano circondato” ha detto la casalinga di Constantia, che vuole restare anonima.

Galline, oche, pavoni ed anche un cane sono stati uccisi nelle settimane recenti dai babbuini – i maschi hanno enormi e terrificanti denti canini. Tegole, recinzioni elettriche, orti, giardini e frutteti sono stati distrutti.

Espressioni in inglese che contengono la parola Gas (gas)

L’espressione run out of gas (terminare il gas) significa perdere l’energia o l’interesse per continuare a fare qualcosa.
Per esempio: I was in the lead for most part of the race but then I ran out of gas (sono rimasto in testa per maggior parte della gara ma poi ho finito l’energia)

Il modo di dire cooking with gas (cucinare col gas) vuole dire fare qualcosa in maniera perfettamente esatta. Potrebbe essere tradotto con l’espressione italiana ‘alla grande’.
Per esempio: when I saw the way you were playing I knew you were cooking with gas (quando ho visto il modo in cui suonavate ho capito che stavate facendolo alla grande)

Gas something up (gasare su qualcosa) significa fare rifornimento di carburante.
Per esempio: we should gas the car up as soon as possible (dovremmo fare rifornimento di carburante al più presto possibile)

Se qualcuno steps on the gas (pesta sul gas) allora sta accelerando la velocità di guida si sta sbrigando oppure in generale si sta sbrigando.
Per esempio: step on the gas! it’s almost closing time (accelera! stanno per chiudere)

Cosa significa China in inglese: Cina ma anche porcellana

La parola China in inglese non ha solamente il significato di Cina, ma anche quello di Porcellana. Per esempio l’insieme delle tazze, piatti e servizi da thè viene chiamato China.
Vediamo un dialogo in cui questa espressione viene utilizzata in contesto.

Sally: it’s tea time!
Angela: yes, I am starting to feel a bit peckish
Sally: please, take a sit in the lounge, while I make some tea
Angela: thank you. Your china is beautiful
Sally: thank you, we bought it last year in Italy
Sally: è l’ora del thè!
Angela: si, comincio ad avere un pò di appetito
Sally: per favore, siediti in salotto, mentre faccio il thè
Angela: grazie. Il tuo servizio da thè in porcellana è bellissimo
Sally: grazie, l’abbiamo comprato l’anno scorso in Italia

Espressioni in inglese che contengono la parola Drive (guida, guidare)

Quando qualcuno drives someone around the bend (guida qualcuno attorno alla curva) allora lo fa arrabbiare molto.
Per esempio: their behaviour is driving me around the bend (il loro comportamentp mi sta facendo arrabbiare)

Drive a price up (guidare un prezzo su) significa alzare forzatamente il prezzo di qualcosa.
Per esempio: the producers are driving up the price of oil (i produttori stanno forzatamente alzando il prezzo del petrolio)

L’opposto del precedente è drive a price down (guidare un prezzo giù).
Per esempio: the lack of demand is driving the price down (l’assenza di domanda sta facendo scendere il prezzo)

L’espressione drive a hard bargain (guidare un duro affare) vuole dire lavorare duro durante un affare, negoziare i prezzi a proprio favore.
Per esempio: we drove a hard bargain an bought the house for £150.000 (abbiamo negoziato il prezzo e comprato la casa a 150.000 sterline)

Infine il classico proverbio Bad money drives out good (il cattivo denaro scaccia il buono) riguarda una particolare situazione economica in cui se c’è denaro inflazionato in circolazione anche il denaro non inflazionato ne risente. Questo modo di dire può essere allargato ad altre cose, oltre al denaro, per fare riferimento al fatto che quando si diffonde un bene privo di valore inevitabilmente anche quello che ha valore ne soffrirà.
Per esempio: last year they started to produce cheap computer screens in large quantities and since then it has been very difficult to find good ones. It’s a case of bad money drives out good (l’anno scorso hanno cominciato a produrre modelli economici di schermi per computer in grandi quantità e da allora è stato molto difficle trovarne di buoni. E’ un caso di moneta cattiva scaccia moneta buona)

Una conversazione in inglese per imparare l'espressione Keep in mind something (tenere a mente qualcosa)

Esattamente come in italiano l’espressione inglese Keep in mind something (tenere a mente qualcosa) significa tenere presente qualcosa, ricordarsi continuamente di qualcosa.
Vediamo un dialogo di esempio in cui l’espressione è utilizzata.

Paul: The race is about to start. Are you ready?
Robert: Yes, I am ready
Paul: Remember to constantly check the engine temperature.
Robert: Yes
Paul: Keep that in mind and you can win the race.
Paul: La gara sta per cominciare. Sei pronto?
Robert: Si, sono pronto
Paul: Ricorda di controllare continuamente la temperatura del motore.
Robert: Si
Paul: Tienilo a mente e puoi vincere la gara.

Modi di dire in inglese che contengono la parola Trail (traccia)

Se qualcuno è on the trail of someone or something (sulla traccia di qualcuno o qualcosa) allora lo sta cercando.
Per esempio: I am on the trail of a good estate agent (sto cercando un buon agente immobiliare)

Una paper trail (traccia di carta) è un insieme di documenti che serve per poter esaminare quello che è successo a posteriori.
Per esempio: we need all those receipts, so that we have a paper trail (abbiamo bisogno di tutte quelle ricevute, così da avere un insieme di documenti per capire cosa è successo)

L’espressione hit the trail (colpire la traccia) vuole dire andarsene.
Per esempio: we hit the trail around midnight (ce ne siamo andati verso mezzanotte)

Infine put someone off the trail (mettere qualcuno fuori traccia) vuole dire fare perdere una traccia a qualcuno che la sta seguendo.
Per esempio: we were very close to him, but something put us off the trail (eravamo molto vicini a lui, ma qualcosa ci ha fatto perdere le tracce)

Una conversazione in inglese per imparare l'espressione to be stuck (essere bloccato)

L’espressione to be stuck, che alla lettera può essere tradotto con ‘essere attaccato’, in realtà significa ‘essere bloccato’. Ricordando che stuck è il participio passato del verbo stick, ecco un esempio di un dialogo.

Robert: you’re late again
Thomas: I am sorry!
Robert: I hope you have a good excuse, this time
Thomas: I was stuck in the traffic for half an hour
Robert: don’t tell me!
Robert: sei in ritardo ancora
Thomas: mi dispiace!
Robert: spero tu abbia una buona scusa, questa volta
Thomas: sono rimasto bloccato nel traffico per mezz’ora
Robert: non mi dire!

La traduzione di un articolo dall'inglese: gli astronomi scoprono un pianeta molto simile alla terra

Ecco la traduzione di un artioclo del Mirror che parla di una importante scoperta scientifica fatta da un gruppo di astronomi che hanno trovato un pianeta molto simile alla terra a soli 20 anni luce di distanza.

Astronomers find another Earth .. just 20 light years away

.
Astronomers claim to have found the most Earth-like planet yet – and they believe it could support life.

.
The planet – named Gliese 581g – is three times the mass of Earth and is only 20 light years away. It takes 37 days for it to orbit its parent star Gliese581, which it always faces so one side is permanently dark and the other light.

.
.
With favourable temperatures and a similar gravity to our own planet, Gliese 581g is thought to be potentially habitable, unlike its neighbours. Steven Vogt, professor of astronomy at the University of California, said: “We had planets on both sides – one too hot and one too cold – and now we have one in the middle that’s just right.

.
“Our findings offer a compelling case for a potentially habitable planet. Any emerging lifeforms would have a wide range of stable climates to choose from.”

He claimed their findings, published in Astrophysical Journal, suggested the planet was far from unusual. “The fact we were able to detect this one so quickly and so nearby tells us planets like this must be really common,” he said.

.
.
Up to 20% of star systems are thought to have habitable planets – and there are tens of billions of stars in the Milky Way.

Paul Butler of the Carnegie Institution, which helped with the research, added: “Our ability to find potentially habitable worlds is now limited only by our telescope time.”

Gli astronomi trovano un altra Terra .. a soli 20 anni luce di distanza

Alcuni astronomi sostengono di avere trovato il pianeta più simile alla terra fino a questo momento – e pensano che potrebbe ospitare la vita.

Il pianeta – chiamato Gliese 581g – ha tre volte la massa della terra e si trova a soli 20 anni luce di distanza. Necessita di 37 giorni per completare la sua orbita attorno alla stella Gliese581, che guarda sempre dallo stesso lato, così un lato è permanentemente al buio e l’altro alla luce.

Con temperature favorevoli ed una gravità simile al nostro pianeta, Gliese 581g è ritenuto potenzialmente abitabile, a differenza dei suoi vicini. Steven Vogt, professore di astronomia alla Università della California, ha detto: “Avevamo pianeti da tutti e due i lati – uno troppo caldo ed uno troppo freddo – ed ora ne abbiamo uno nel mezzo che va proprio bene.

“Le nostre scoperte offrono un convincente caso di un pianeta abitabile. Qualsiasi forma di vita emergente avrebbe avrebbe un ampia gamma di climi stabili tra i quali scegliere.”

Ha dichiarato che le sue scoperte, pubblicate nel Giornale di AStrofisica, suggerriscono come il pianeta sia tutt’altro che inusuale. “Il fatto che siamo stati capaci di trovarlo così velocemente e così vicino ci dice che pianeti simili devono essere molto comuni”, ha detto.

Si ritiene che fino al 20% dei sistemi stellari possa avere pianeti abitabili – e ci sono decine di miliardi di stelle nella Via Lattea.

Pau Butler della Carnegie Institution, cje ha aiutato nella ricerca, ha aggiunto: “La nostra capacità di trovare mondi potenzialmente abitabili è ora limitata solo dal tempo in cui possiamo usare i telescopi”

Un dialogo in inglese per imparare l'espressione Get it over with (farla finita)

L’espressione get it over with significa terminare qualcosa, farla finita, specialmente riferito ad un qualcosa di non proprio piacevole.

John: I couldn’t sleep last night, because of my toothache
Susan: you should go to the dentist
John: I know, I just called and took an appointment
Susan: good. Just pull the tooth and get it over with
John: I know
John: Non ho dormito stanotte, a causa del mal di denti
Susan: dovresti andare dal dentista
John: lo so, ho appena chiamato e ho preso un appuntamento
Susan: bene. Fatti estrarre il dente e falla finita
John: Lo so

Lezioni di Inglese per imparare l'inglese commerciale

Le nostre lezioni di inglese continuano con alcuni termini utili per imparare l’inglese commerciale. In questo breve articolo cercheremo di elencare alcune parole che possono essere utili nell’ambito dell’inglese commerciale ossia il Business English.

L’articolo non ha in realtà la pretesa di configurarsi come un corso di inglese commerciale completo, ma soltanto come una introduzione a lezioni di inglese più complete per chi volesse poi approfondire l’argomento.
L’inglese commerciale ha tra l’altro varie possibili sfaccettature e forme, dovute al fatto che è divenuto la lingua franca per il commercio nel mondo. Per esempio l’inglese commerciale dei cinesi avrà sfumature diverse rispetto a quello di un madrelingua inglese o di un canadese.

Quando una azienda (company) entra nel mercato (market), e più precisamente nel mercato internazionale (international market), lo fa per vendere i suoi prodotti (products), cioè beni (goods).
La cosa più importante per l’azienda è ovviamente trovare clienti (customers), che spesso sono altre aziende: i rapporti commerciali tra aziende sono chiamati business to business, abbreviati in b2b, mentre quelli tra le aziende e clienti privati sono chiamati ‘business to customers‘, abbreviati in b2c.
Ogni azienda ha i suoi fornitori (suppliers), dai quali acquista materiali (materials) e beni, a prezzi cui vengono applicati sconti commerciali (trade discount).
L’acquisto avviene tramite l’ordine (order), che è quasi sempre preceduto da una richiesta di preventivo (quotation) e da un accordo (agreement).
Una volta stabilito un accordo si passa al pagamento (payment), alla spedizione (shipping) ed alla fatturazione (invoicing).
Spesso l’accordo prevede qualche forma di assicurazione (insurance) ed alcuni termini e condizioni (terms and conditions).

Se volete approfondire la vostra conoscenza dell’inglese commerciale vi suggeriamo il corso di Business English che potete trovare sul sito OK Inglese, un insieme di lezioni inglese gratis online completo ed efficace, che unito alle lezioni di grammatica e di vocabolario fornisce un utilissimo strumento di apprendimento on line.