La traduzione di un articolo dall'inglese: la madre di John Terry sorpresa a rubare

Ha destato molto scalpore in Inghilterra nei giorni scorsi la notizia che la madre e la suocera di John Terry, capitano della squadra nazionale di calcio, che in passato ha avuto anche problemi con la giustizia, siano state sorprese a rubare da due supermercati delle catene Tesco e Marks & Spencer.
A tale proposito traduciamo un’articolo dal DailyMail.

England captain John Terry’s mum is caught shoplifting with his mother-in-law at M&S and Tesco
.
.

England football captain John Terry’s mother and mother-in-law have been arrested for shoplifting.

Sue Terry, 50, and Sue Poole, 54, were cautioned after being caught with £800 of clothes and groceries from Tesco and Marks & Spencer.

Among the items were said to be girls’ flip flops, leggings, casual shirts, men’s and ladies’ watches, a green track suit and groceries including sweets and pet food.

.
The two women, who live on the same exclusive street as the £135,000-a-week Chelsea star, were stopped by police as they loaded their car at an out-of-town shopping centre in Weybridge, Surrey.

.
.
.

Officers had been alerted by security staff who were suspicious about their behaviour.
.

The women were arrested on suspicion of theft and taken to nearby Staines police station where they accepted an official caution – essentially an admission of guilt.

.
The incident, which happened at about 3pm on Wednesday, will be an embarrassment to 28-year-old defender Terry in his role as a figurehead for the national team and the Football Association.

The two stores concerned have their own connections with the England squad

Tesco is the official England supermarket and proudly mentions on its website its recognition of the ‘importance of football as the national sport’.

The store’s chief executive Sir Terry Leahy is also one of the vice-presidents for the country’s bid to host the 2018 World Cup. As for Marks & Spencer, it provides the England team with suits.

Police are said to have been stunned when they realised the identity of the two women they had arrested.

‘They seemed at a loss to explain. One said they had no idea why she’d taken sports gear as she didn’t even like wearing the stuff. They seemed shaken up.’

An astonished trolley attendant at the Brooklands Shopping Centre said yesterday: ‘They just walked out with two large trolleys brimming with clothes. Then they were stopped by several security men. I didn’t know what was going on.’

Last night the women were claiming innocence – suggesting there had been a ‘ misunderstanding’. It was not clear what the misunderstanding was. Solicitor Angus McBride, who represents Terry, said his understanding from the women was that they were innocent.

La madre e la suocera del capitano dell’Inghilterra John Terry scoperte a rubare ai supermercati Tesco e Marks & Spencer

La madre e la suocera del capitano dell’Inghilterra John Terry sono state arrestate per furto.

Sue Terry, 50 anni e Sue Poole, 54 anni, sono state arrestate dopo essere state scoperte con vestiti e cibarie rubate ai supermercati Tesco e Marks & Spencer, per un valore di 800 sterline.

Tra gli oggetti rubati sono stati elencati reggicalze, ciabatte, camicie, orologi da uomo e da donna, una tuta verde e cibarie comprendenti caramelle e cibo per cani.

Le due donne, che vivono nella stessa strada del quartiere esclusivo dove vive la star del Chelsea pagata 135.000 sterline a settimana, sono state fermate dalla polizia mentre caricavano la loro macchina in un centro commerciale fuori città a Weybridge, nel Surrey.

I poliziotti sono stati allertati dallo staff della sicurezza che si sono insospettiti per il loro comportamento.

Le donne sono state arrestate per sospetto di furto e portate alla vicina stazione di polizia di Staines dove hanno firmato un documento che è essenzialmente un’ammissione di colpa.

L’incidente, che è successo alle 3 del pomeriggio di mercoledì, sarà una fonte di imbarazzo per il ventottenne difensore John Terry, che è un simbolo per la squadra nazionale e per la Football Association.

I due supermercati hanno anche interessi nella squadra inglese.

Tesco è il supermarket ufficiale della nazionale e sottolinea con orgoglio sul proprio sito l’importanza del calcio come sport nazionale.

Il direttore esecutivo del supermercato è, Sir Terry Leahy, anche uno dei vicepresidenti per la campagna inglese per ospitare i mondiali del 2018.
Invece Marks & Spencer fornisce la squadra inglese con tute.

I poliziotti hanno dichiarato di essere stati molto sorpresi una volta scoperta l’indentità delle due donne arrestate.

‘Sembravano incapaci di spiegare. Una ha detto che non avevano idea del perchè avesse preso abiti sportivi, e che non le piaceva neppure indossarli. Sembravano molto agitate.’

Uno stupefatto responsabile di carrelli al Brooklands Shopping Centre ha detto ieri:
‘Sono semplicemente camminate fuori con due carrelli pieni di vestiti. Poi sono state fermate da diverse guardie della sicurezza. Non capivo cosa stava succedendo.’

Ieri sera le donne si dichiaravano innocenti – suggerendo che si trattava di un ‘malinteso’. Non è stato chiarito di che malinteso si trattasse. L’avvocato Angus McBride, che rappresenta Terry, ha detto che da quello che ha capito le due donne sono innocenti.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *